Istituto di Istruzione Superiore "G. Ferro" > Avvisi > Comunicazioni scuola famiglia
Ultima modifica: 11 maggio 2020

Comunicazioni scuola famiglia

Considerato che non è possibile effettuare il ricevimento in presenza dei genitori per le comunicazioni in merito all’andamento didattico e disciplinare degli alunni, e viste le difficoltà di organizzare e gestire colloqui individuali on line con i genitori di tutti gli studenti, il Collegio dei docenti, ritenendo prioritario informare in maniera esplicita e tempestiva sull’andamento didattico-disciplinare soprattutto nel caso di alunni con valutazioni negative diffuse, ha individuato la seguente modalità di comunicazione: invio, attraverso il registro elettronico, di una mail alle famiglie degli alunni con carenze, in cui si evidenzino le problematiche riscontrate (mancata partecipazione alle lezioni, lacune nella preparazione, impegno non adeguato, non superamento del debito…). I docenti potranno inviare la mail singolarmente, se le carenze riguardano poche discipline; se le lacune riscontrate sono gravi e diffuse in molte discipline, il coordinatore di classe potrà farsi carico di inviare una sola mail con il resoconto dell’andamento didattico nelle varie materie. Resta possibile, a discrezione del docente, convocare i genitori in piattaforma o contattarli telefonicamente. Il colloquio con i genitori andrà sempre registrato sul registro elettronico con indicazione del giorno, dell’ora e dell’argomento del colloquio stesso.

Nell’ottica di una comunicazione trasparente e tempestiva sulla valutazione, si invitano i genitori a prendere visione con costanza dei giudizi registrati sul registro elettronico alla voce “Valutazione Formativa”. Nel caso in cui i genitori desiderino comunicare con un docente, potranno contattarlo direttamente tramite il/la proprio/a figlio/a e richiedere un colloquio telefonico o in piattaforma; oppure potranno inviare una mail all’indirizzo della scuola o, attraverso il registro elettronico (dalla sezione “Servizi classe” e icona “Ricevimento docenti”), al docente stesso.

Torna suTorna su